Fotografare cibo per i social

Lo studio “Fotografare cibo” dell’Università di Harvard sulla popolazione tra i 15 e i 50 anni stima che, nel mondo occidentale, le persone passino il 20% del loro tempo libero fotografando cibo, il 30% a guardare immagini di cibo sui social e il restante 50% a mangiare cibo preventivamente fotografato e visto sui social.

Se ti stai chiedendo se si tratta di uno scherzo, la risposta è si, ma io credo comunque che questa immagine non sia troppo lontana dalla realtà.

La fotografia del cibo è diventata una vera e propria mania e alcuni ristoranti riescono anche a sfruttarla positivamente incentivando i contenuti generati dagli utenti sui social (UGC, User Generated Content).

Lo scopo del post di oggi è fornire spunti e consigli ai ristoratori che, come te, vorrebbero riuscire a fotografare i propri piatti, in modo da far venire l’acquolina in bocca ai clienti e fargli rimandare la dieta al prossimo lunedì.

***Alla fine dell’articolo troverai l’infografica i trucchi degli influencer su Instagram***

 

Prima di fotografare cibo per i social

Lo scopo è quello di promuovere le tue pietanze sui social, certamente, però non dovresti limitarti esclusivamente a fotografare quelle. Infatti, anche se è un aspetto sottovalutato, è importante intervallare le foto dei piatti, con altre che esprimano i valori e lo stile più affini al tuo locale (ad esempio nella foto in alto oltre al cibo si vedono anche citazioni rilevanti o contenuti brandizzati di diverso tipo, fonte profili Instagram di Shake Shack e Yeastie Boys Bagels).


Bisogna cercare, laddove possibile, di ruotare un po’ i soggetti delle foto, in modo da non annoiare e da arricchire la tua storia, andando a narrare tutti gli aspetti che la caratterizzano.

L’esperienza nel tuo ristorante, al giorno d’oggi, inizia guardando una foto sui social, per questo dare una buona impressione ad un follower ha assunto ormai la stessa importanza di darla ad un cliente che si incontra di persona.

Questo aspetto non può essere più ignorato o messo in secondo piano, come purtroppo ancora troppo spesso accade in Italia, e non solo nella ristorazione. Andiamo quindi a vedere gli aspetti da valutare quando ci apprestiamo a fotografare cibo per i social.

 

Regola n.1 – Lavorare veloci

Il cibo è una natura morta che deve sembrare “ancora viva” per essere appetibile, il che vuol dire che bisogna lavorare velocemente per evitare il deperimento visivo degli ingredienti.

Proprio per questo motivo bisognerebbe scegliere bene il momento della giornata dedicato agli scatti.

Per catturare l’atmosfera del locale è meglio se si approfitta della presenza dei clienti, in modo da trasmettere accoglienza e calore.

Per quanto riguarda invece le foto del cibo, meglio scegliere dei momenti di tranquillità per 3 motivi:

  • non trovarsi con clienti o fornitori che interrompono la nostra sessione facendoci sprecare tempo e opportunità
  • poter testare tutte le varie angolazioni/posizioni anche le più discutibili senza il giudizio di estranei
  • lasciare che lo chef si concentri sull’impiattamento al 100%

 

Se il tempo passa, ma non hai ancora trovato lo scatto perfetto, puoi sempre aiutarti vaporizzando un po’ d’acqua sull’insalata e spennellando un po’ di olio sulla carne per esaltarne la brillantezza.

 

Fotografare cibo per i social significa selezionare, non manipolare

Spesso si fa l’errore di creare delle foto che non rispecchiano la realtà e deludono le aspettative un po’ come nella pubblicità di Iliad dell’hamburger… Direi che non è il caso di farlo.
Così facendo si rischia solo di indurre il cliente a lasciarci una “bella” recensione negativa.

Va bene scegliere le materie prime migliori e i piatti riusciti meglio, ma non puoi presentare dei piatti in foto totalmente diversi da quelli che poi servi al cliente. Sarebbe un puro e semplice autogol.

 

Trova il tuo stile e rispettalo

Lo scopo delle foto è raccontare la tua storia, quindi è consigliabile rispettare una certa coerenza stilistica e visuale per non confondere la clientela.

Per esempio, se hai un ristorante con un’anima moderna, colorata e allegra, dovresti evitare di contraddirti pubblicando delle foto sbiadite con filtri vintage, anche se quel genere di foto ti piace tanto… Il rischio è di creare aspettative distorte nei clienti che, anche senza rendersi conto del motivo, potrebbero restare insoddisfatti dell’esperienza (alta probabilità di recensione negativa).

Inoltre è importante mantenere una linea costante nello stile della nostra narrazione visiva  perché, il cliente che si affeziona al nostro locale, non vuole trovare sorprese o cambiamenti radicali. L’incoerenza di stile va contro l’obiettivo di fidelizzare. Quindi scegli bene e tieni a mente che non puoi accontentare tutti.

Per la coerenza del tuo stile dovresti sempre rispettare:

  • Palette cromatica. In genere 2 colori predominanti e uno neutro per amalgamare. Parti dai colori del logo e dell’arredamento del ristorante
  • Saturazione. Meglio se alta nel caso del cibo, per esaltarne la brillantezza dei colori
  • Inquadratura. Prova tutte le inquadrature possibili e poi scegline una principale per quando fotografi il cibo ed una per quando fotografi il personale e il clienti
  • Location. Se trovi il punto perfetto dove la luce è ideale per illuminare i tuoi piatti, usa sempre quello. Lo stesso vale se hai un’angolo speciale nel tuo ristorante che possa invogliare le persone a fare dei selfie

esempio palette

Ho voluto mettere questo esempio per rendere l’idea della palette cromatica (pesca e azzurro colori principali, bianco neutro), anche se non c’entra niente con la ristorazione, bello vero?

 

La luce giusta per fotografare cibo per i social

La cosa migliore è sempre la luce naturale, laddove possibile, quindi cerca di posizionarti vicino alle finestre.
L’ideale sarebbe una giornata nuvolosa perché la luce si diffonde in modo omogeneo attenuando le ombre. Un piccolo trucco potrebbe essere indossare una maglietta bianca in modo da riflettere la luce naturalmente sul piatto.

Evita di usare il flash, tende a far impallidire i colori e questo è assolutamente da evitare, il cibo è tecnicamente una natura morta, ma deve sembrare necessariamente “viva”.

 

Sfondi neutri

Più lo sfondo sarà neutro, più metterà in risalto il protagonista della foto, ovvero il cibo con tutti i suoi colori.
Lo stesso vale per il tipo di stoviglie e/o posate, se sono troppo colorate distoglieranno l’attenzione dal cibo e lo faranno sembrare meno appetitoso sminuendone i colori.

Gli sfondi neutri più usati sono principalmente tre:

  • Chiaro. Ottimo per piatti con tonalità chiare
  • Scuro. Migliore per piatti con tonalità più accese
  • Legno. Va bene per qualsiasi tipo di piatto

 

Esempi di inquadrature per fotografare cibo per i social

Molto in voga di recente è sicuramente il “food in the air”, molto adatto per il cosiddetto cibo da strada, che si effettua sostenendo in alto il cibo con una mano, solitamente su di uno sfondo panoramico del locale o del paesaggio.

Per il cibo che si sviluppa in altezza, l’ideale è il ritratto laterale, in modo da mettere in risalto i vari strati, oppure far vedere il formaggio che fila rompendo un arancino di riso…
Se invece hai un bel piatto pieno di ingredienti diversi e composti in modo accattivante potrai sfruttare sicuramente l’inquadratura dall’alto.

 

I trucchi degli influencer su Instagram (infografica)

i trucchi degli influencer su Instagram

 

Ho scritto questo post per dare degli esempi pratici per fotografare cibo per i social, spero che ti sia utile nella quotidianità della gestione social!

Come posso aiutarti?

 

Buona sperimentazione!

tania gianturco
Tania Gianturco

Consulente di marketing: individuo le priorità e ottimizzo i processi per evitare sprechi di tempo e denaro.

Web copywriter freelance: scrivo testi su commissione per siti web, blog e pubblicità sui social.

Pizza lover: ogni fine settimana celebro il rito della lievitazione naturale della pizza, custodendone il segreto per le generazioni future.

Ti puo interessare anche:

Un ristoratore con la moglie rimasti al verde perché non sapevano come inaugurare un ristorante in modo intelligente

Come inaugurare un ristorante senza andare in bancarotta

video marketing ristorazione

Video marketing per ristoranti, 10+ idee per ispirarsi

strategia instagram per crescere gratis

Strategia Instagram per crescere gratis